fbpx

Alcuni scienziati dell’Università di Berlino hanno creato in laboratorio follicoli peliferi animali. Presto verranno riprodotti anche capelli.
Gli scienziati pensano di essere vicini alla creazione di una cura per la calvizie. La svolta sarebbe arrivata grazie alle cellule staminali, sempre più utilizzate in campo scientifico.

FOLLICOLI IN LABORATORIO – Gli studiosi dell’Università di Berlino hanno creato dalle cellule staminali i primi follicoli artificiali al mondo. I follicoli sono stati creati da cellule animali e sono risultati solo un po’ più sottili del normale. Il team di scienziati si dice ottimista. Fa sapere di poter ottenere la crescita di peli umani da staminali in meno di un anno. Per quanto riguarda i tempi della commercializzazione della cura, secondo il dott. Roland Lauster, che guida la ricerca, chi soffre di perdita di capelli potrebbe avere i nuovi follicoli piliferi da impiantare entro cinque anni. I preparativi per le sperimentazioni sono già in corso. E qualcuno già immagina il comico Harry Hill e la leggenda del calcio Bobby Charlton col capo coperto da una folta chioma.

STOP AI TRAPIANTI – Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate, dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo. Quando manipolate in laboratorio possono riprodurre qualsiasi tessuto o addirittura organi. Eppure i progressi sono stati lenti e ci sono oggi pochi trattamenti disponibili. Per risolvere il problema della calvizie oggi si provvede a trapiantare i follicoli dei capelli dalle zone in cui la capigliatura è più folta alle zone in cui si è calvi. Il trattamento richiede un’intervento che dura dalle 5 alle 10 ore e deve essere ripetuto più volte affinchè venga raggiunto l’aspetto desiderato. Domani tutto sarà più semplice. Ora – dice il dott. Lausler – la pelle e i follicoli umani in crescita in laboratorio potrebbero decretare la fine della sperimentazione animale.

fonte
http://www.giornalettismo.com/archives/105035/calvi-tutto-mondo-staminali-salveranno/

Commenta QUI questa notizia

Commenti
Privacy Policy Cookie Policy
Share This