In Austria arriva la regola delle 2G: da ieri, infatti, solo chi è vaccinato (geimpft) o guarito nei sei mesi precedenti (genesen) potrà recarsi dal parrucchiere.

È questa la nuova disposizione, nota appunto come regola delle 2G, che regolamenterà diversi settori della vita quotidiana per le persone al di sopra dei 12 anni.

Ai non vaccinati, non solo, non sarà concesso recarsi nei luoghi dove si erogano servizi per la cura della persona, quindi parrucchieri, barbieri e centri estetici, ma sarà anche vietato entrare e consumare nei ristoranti, nei bar, nelle pasticcerie, soggiornare in tutte le tipologie delle strutture ricettive, dagli hotel agli ostelli e b&b.
Stessa regola vale anche per eventi culturali e sportivi con 25 o più persone, nonché sugli impianti di risalita che si preparano ad aprire in vista della stagione invernale, nelle discoteche, per le visite negli ospedali e case di riposo, negli stadi e ai concerti. Sui mezzi pubblici, invece, possono accedere anche persone non vaccinate.

I non vaccinati che nei prossimi giorni si sottoporranno a vaccinazione potranno entrare fino al 6 dicembre in tutte le aree 2G ma solo se presenteranno l’esito di un tampone molecolare.

Ovviamente queste restrizioni imposte dal governo guidato dal cancelliere Alexander Schallenberg hanno portato negli ultimi giorni ad un notevole aumento delle vaccinazioni con conseguenti lunghe code di persone all’esterno dell’Austria Center di Vienna in attesa della prima dose.

In pratica in Austria, chi non ha il vaccino si ritrova in lockdown forzato… fateci sapere cosa ne pensate!

Commenti