Buongiorno cari Parrucchierandi, speriamo che il vostro weekend lungo sia stato piacevole e rilassante.

In un lavoro come quello del parrucchiere, o più largamente di chi opera nel settore della bellezza, la formazione è di fondamentale importanza. Aggiornarsi non solo ovviamente nelle collezioni moda, quindi le nuove tendenze e tecniche, prodotti, materiali, nuovi settori. Ma anche per quanto riguarda la gestione del salone. Tema sempre poco affrontato.

Oggi vogliamo parlavi proprio di questo, formazione e nello specifico quella gestionale. Abbiamo deciso di parlarvene attraverso le parole dei nostri amici di Boss, che secondo noi spiegano con semplicità e chiarezza, insomma, senza troppi giri di parole l’importanza di questo tema che ancora un po’ un “tabù”. Davvero interessante e utile! Buona lettura!!

Quando si parla di formazione spesso si ha la sensazione di camminare sulle sabbie mobili. Se ne può parlare da diversi punti di vista e può avere diverse finalità ma sta di fatto che in molti casi risulta essere un argomento astratto, soprattutto quando si parla di gestione o di

motivazione o di raggiungimento di obiettivi.

A maggior ragione quando è necessario sborsare denaro per sé o per lo staff.

Si dice infatti che la formazione sia un investimento “intangibile”, non c’è nulla di materiale, nulla da poter toccare.

La formazione gestionale, per esempio, non ha come scopo quello di essere, come si dice, la panacea di tutti i mali, bensì ha l’intento di fornire una serie di strumenti finalizzati ad instillare nelle persone che lavorano in salone una propensione alla crescita personale, uno spirito di autonomia, fiducia nelle proprie capacità e consapevolezza del proprio cammino professionale. Però…

Pare che ci sia formazione e formazione: per esempio gli acconciatori tendono a valorizzare molto di più quella legata alla professionalità, quindi aggiornamenti sui tagli, corsi di

colorazione, inseguimento delle nuove tendenze, mentre alla formazione sulla gestione

in salone si dedica uno spazio irrisorio per non dire pressoché inesistente.

Le accademie, luogo principe in cui nascono e crescono i novelli acconciatori, si stanno di recente adeguando alle esigenze del periodo storico in cui viviamo e sempre più introducono corsi legati all’informatica e alla gestione.

Anche se alcuni acconciatori che costituiscono lo zoccolo duro della categoria, sono stati formati in accademie di vecchio stampo, in cui informatica e gestione venivano considerate come estranee a questo genere di attività.

Riflettiamo: la figura del parrucchiere si è evoluta negli ultimi decenni, passando tra corsi di aggiornamento e viaggi all’estero per apprendere nuove tecniche, lunghi week-end di full

immersion intorno a guru internazionali dell’acconciatura; tutto per aggiungere spessore ad una professione già di alto livello, arrivando fino all’hair stylist.

Allora perché abbiamo dato così poca importanza ad una formazione orientata alla gestione dell’attività che farebbe diventare il parrucchiere un imprenditore vero e proprio?

Cosa significa “gestione in salone?”

Significa saper scegliere il proprio staff, valorizzarlo sia economicamente sia professionalmente; motivarlo e fare in modo che sia sempre al massimo della redditività, ciascuno per la propria qualifica (gestione dei collaboratori); significa comprendere il momento corretto per l’acquisto dei prodotti, in che quantità e in che modo (gestione del magazzino); significa conoscere i propri clienti, – non vuol dire solo conoscerli per nome – bensì conoscerne le abitudini di acquisto, la loro frequenza in salone, le coccole che amano ricevere (gestione del cliente); sapere quanto costa mandare avanti l’attività, quanto incide il personale, quanto le utenze, l’affitto, quanto è possibile investire in comunicazione e quanto ciascuna delle spese che affrontiamo incide su ciò che guadagneremo (gestione dei costi); significa saper

comunicare dentro e fuori dal salone, conoscere quali promozioni funzionano e quali no (gestione della comunicazione).

Questo e molto altro è il significato di “gestione in salone”. Per fare tutto ciò, il titolare e lo staff al completo devono essere formati, informati ed informatizzati, il titolare e tutto lo staff. Insieme. Per il comune obiettivo di una professione sempre all’apice del successo.

Commenti