fbpx

Mentre l’Italia sembra essere concentrata solo su green pass, restrizioni, nuovi decreti, no vax, sí vax, covid ecc., c’è un altro problema che sta emergendo sempre più chiaramente e di cui si sta iniziando a parlare con sempre maggior insistenza: si tratta del caro bollette, ovvero dell’aumento di luce e gas che, con il nuovo anno, impatterà su famiglie e imprese.

Forse non tutti lo sapete ma, in un solo trimestre, è stato registrato un aumento totale di 23 miliardi di euro tra imprese e privati. A farne le spese saranno anche i titolari di saloni e centri estetici in quanto fanno parte della categoria artigiana che sta subendo questi rincari (rincari che graveranno di più sulle micro e piccole imprese).

Secondo una recente ricerca del centro studi di Cna, quasi il 26% delle aziende intervistate, infatti, appartiene al settore dei servizi alla persona che rischiano di vedersi costrette anche ad aumentare il costo per il cliente finale per non dover ridimensionare la propria attività già abbastanza provata dai problemi che ha portato con sé la pandemia negli ultimi anni.

Il punto è che fronteggiare gli aumenti senza intaccare il listino prezzi diventa davvero difficile e lo stato non sembra voler intervenire in questo senso (è giusto, però sottolineare che più della metà degli intervistati si dicono decisi a non voler aumentare i propri prezzi)

Come fare, dunque, a tutelare il cliente (che probabilmente avrà subito lui stesso i rincari in prima persona sulle bollette di casa) e mantenere viva l’attività allo stesso tempo? Come garantire la stessa qualità di servizi senza essere costretti a cambiare il listino?

Potenziare la produzione di energia da fonti rinnovabili o assicurare una effettiva concorrenza nel mercato dell’energia elettrica potrebbe essere, per esempio, un buon punto di partenza, ma sicuramente non basta. Bisogna muoversi per tempo per cercare nuovi clienti, per fare davvero la differenza con azioni di marketing mirate e ad hoc che spigano la cliente a venire da voi, perché da voi trovano quello che nel salone dietro l’angolo non c’è. Non è sempre e non deve essere  una questione di prezzo.

Di tutto questo diamo sempre chiare indicazioni sulla strategia di adottare in salone in Parrucchierando On Demand “Il gruppo che non vogliono che i parrucchieri trovino”

Fateci sapere se anche voi state subendo questi rincari, come state fronteggiando il problema, vogliamo sentire la vostra voce perché siamo qui per voi!

Commenti
Privacy Policy Cookie Policy
Share This