L’ allarme arriva da Confartigianato Benessere: come se non bastassero le problematicità legate ai negozi chiusi per il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 marzo, in questo periodo si sta facendo largo un altro problema, quello dei parrucchieri ed estetisti abusivi a domicilio.

Alle forze dell’ordine e alle autorità, infatti, in questi giorni sono arrivate centinaia di segnalazioni di irregolarità, tanto che Confartigianato avverte la popolazione a prestare la massima attenzione, a non accettare servizi da chi opera al di fuori della legge, quindi l’invito è sempre quello di non uscire e non ricevere in casa operatori abusivi al fine di tutelare la propria salute e quella degli altri.

Sara Lacchetta, presidente territoriale CNA Benessere della provincia di Imperia, titolare di un salone di acconciatura a Sanremo dichiara “ È con rammarico, però, che sono costretta a farmi portavoce, come presidente della categoria, anche di segnalazioni ricevute da parte di colleghi in merito alla concorrenza sleale di alcuni operatori “in regola” come noi, che stanno aggirando i divieti d’esercizio, magari recandosi direttamente a casa dei clienti”.

E ancora il messaggio di Cna Massa Carrara “Ora che siamo chiusi non rivolgetevi agli abusivi. E’ un rischio enorme per la salute di tutti”.

Purtroppo questo è un momento difficile per molti, dai negozi, alle aziende e naturalmente anche per i parrucchieri, ma rispettare le regole è, adesso più che mai, fondamentale per arginare il prima possibile la pesante emergenza sanitaria che sta affliggendo il nostro paese.

Commenti