In attesa che il 6 agosto venga emesso il nuovo Decreto ecco le prima indiscrezioni che riguardano i mezzi di trasporto.

Green pass per navi, aerei e treni a lunga percorrenza e accesso libero su autobus, tram e metropolitane: è questa la linea del governo secondo le prime notizie.

Quello che già sappiamo, ad oggi, è che da venerdí ci sarà l’obbligo di green pass per tutte le attività al chiuso, compresi ristoranti e bar per la consumazione al tavolo.

La stessa cosa potrebbe valere per i mezzi di trasporto, in particolare su treni, navi e aerei, il cui accesso diventerebbe possibile soltanto a chi possiede la certificazione verde che attesta la prima dose di vaccino fatta almeno 15 giorni prima, la guarigione dal Covid 19 nei sei mesi precedenti, l’esito negativo di un tampone molecolare, antigenico o salivare nelle precedenti 48 ore.
Sarà il personale di bordo a richiedere la verifica del green pass e, chi dovesse esibire un certificato contraffatto, subirà la multa e sarà denunciato. Il green pass servirà anche al tracciamento qualora dovesse essere accertata la positività di uno dei passeggeri.

Da capire se tutto questo entrerà in vigore da subito o da fine mese, in modo da consentire i rientri dalle ferie.

La decisione sarà presa sulla base dell’analisi dei contagi e soprattutto della tenuta dei reparti ospedalieri, aree mediche e terapie intensive.

Al momento , invece, non sono previsti controlli su autobus e metropolitane, nonostante siano i mezzi più utilizzati e tra le prime cause di contagio, anche perché sarebbe impossibile effettuare i controlli. Il governo ha chiesto invece alle Regioni un piano dettagliato sul potenziamento dei mezzi pubblici che potrebbe essere discusso questa settimana insieme al piano per la ripresa della scuola.

Commenti