Cari Parrucchierandi,

per la rubrica Il Personaggio del Giorno, oggi vi raccontiamo la storia di Giuseppe Scaramuzzo, Direttore Artistico di Barex Italiana.

Chi è Giuseppe Scaramuzzo?

Per raccontarlo partiamo dalla sua filosofia: “Ogni donna è unica. Ogni donna ha una sua bellezza. Ogni donna è preziosa.”

Estro e raffinatezza sono le sue parole d’ordine.

Impegnato nella ricerca continua del “particolare”, ha fatto della bellezza e del benessere del capello la sua filosofia di vita. Creativo e innovativo, evita il banale e cerca sempre di ricercare il dettaglio che possa esaltare la femminilità di ogni donna.

Dice Giuseppe:

“io sono convinto che in ogni donna c’è qualcosa di bello; la  sfida più grande  è riuscire a creare per ogni donna uno stile esclusivo e personale  come un abito sartoriale che trasmetta eleganza, benessere e naturalezza.  Non amo uniformarmi, lavorare  con schemi fissi; anche le tendenze moda capelli, a mio avviso, devono sempre essere rielaborate ed interpretate asseconda della  cliente,  con la finalità di esaltarne la bellezza in tutte le sue sfaccettature.”

Dopo aver lasciato il suo paese d’origine in Calabria, inizia gli studi all’Accademia di Roma per impadronirsi delle tecniche di base per poi intraprendere subito la carriera di hairstylist collaborando con prestigiosi nomi della coiffeur.

L’incontro con Aldo Coppola nel 1993 segnerà per sempre la sua carriera e la sua impostazione professionale. Lavora per 20 anni accanto al maestro internazionale e diventa Responsabile della formazione per tutta l’Italia meridionale.

In questi anni Giuseppe ha partecipato a prestigiosi eventi nazionali e internazionali come le Olimpiadi Invernali a Torino, i festeggiamenti per il 150 anniversario dell’unità d’Italia e lavorato alle sfilate di alta moda per stilisti come Missoni, Armani e Andrew Long.

Nel 2013 a Corigliano Calabro Scaramuzzo apre il suo primo salone in proprio a cui sono seguiti altri 4 saloni a Cosenza, Rossano, Castrovillari e nel centro storico di Roma. Decide così di mettersi in gioco intraprendendo una nuova strada, con la semplicità e la caparbietà che lo contraddistinguono.

Il nuovo marchio custodisce l’essenza dell’arte di Giuseppe ed esprime i valori dell’eleganza e dello stile, della voglia di osare rispettando i caratteri della bellezza di ogni donna.

In merito a cosa rende efficace il lavoro in salone al giorno d’oggi, Giuseppe risponde:

“…posso affermare che le  clienti nel tempo sono diventate più esigenti;   amano essere coccolate, quindi  una buona accoglienza è sicuramente un ottimo inizio, poi  fondamentale è l’attenzione  con la quale ci si prende cura dei loro capelli;

desiderano servizi personalizzati, che tengano conto delle loro esigenze, della loro personalità e soprattutto del rispetto e del benessere dei  loro capelli. La cliente vuole essere ascoltata, capita e consigliata. A mio avviso non esiste più il taglio, il colore, le schiariture standard, ma l’applicazione  di queste tecniche deve essere sempre in sintonia con la personalità e il tipo di capelli della cliente.”

Il servizio in salone visto dunque come abito sartoriale, cucito su misura della cliente per valorizzare al massimo la sua bellezza unica. Questa filosofia unita al massimo rispetto per cute e capello in ogni lavoro che esegue lo rende estremamente apprezzato dalla sue clienti e stimato dai suoi numerosi collaboratori.

Oggi Direttore Artistico di Barex Italiana, contribuisce con le sue creazioni al successo dell’azienda, portando il Made in Italy in tutto il mondo.  Giuseppe collabora a stretto contatto con l’azienda per tutto ciò che riguarda la progettazione di rituali e servizi per il salone, la formazione in Italia e all’estero, il  lancio di nuovi tagli e colori moda e la creazione di nuove collezioni moda-capelli.

Una collaborazione iniziata nel 2013, che sta portando grandi soddisfazioni grazie ai numerosi show e seminari che vengono organizzati in tutta Europa per i partner internazionali dell’azienda.

{phocagallery view=category|categoryid=801|limitstart=0|limitcount=0}

Commenti