Ed eccoci al consueto appuntamento settimanale con gli amici di BOSS Srl. Oggi si parla di un argomento che per molti Saloni è una vera e propria patata bollente, il personale!

Monica Bon & Alessandra Gerardi, Ufficio Studi BOSS, ci danno spunti davvero interessanti! Enjoy! 😉

Il personale rappresenta un tema fondamentale nell’ambito della gestione del salone di acconciatura, per questo ritorniamo su un argomento già toccato in passato tentando però, questa volta, di addentrarci nell’ambito dell’economia dei collaboratori e provando a suggerire alcune dritte per far sì che essi siano massimamente redditizi. Le informazioni da raccogliere relativamente ai collaboratori riguardano molteplici aspetti, partendo dalla conoscenza degli elementi che concorrono alla variazione del loro costo, stabilendo dei criteri di controllo e contenimento di tali costi, verificando infine la loro produttività.

Per accostarsi ad una saggia gestione del personale sappiamo che esistono alcuni parametri cui riferirsi e relativi ai costi della manodopera nel salone, ma i fattori coinvolti spesso non vengono considerati nel loro insieme tralasciando così informazioni importanti ai fini delle valutazioni economiche. Per esempio si considera il salario del titolare come la prima voce di costo? Oppure i costi sostenuti per l’abbigliamento? Se la risposta è no, si dovrà iniziare a farlo. Inoltre il costo dei dipendenti non andrà considerato al valore netto, ma al lordo, tenendo presente gli incentivi, l’abbigliamento ed ovviamente la formazione, sia quella che avviene internamente che quella che avviene esternamente al salone, calcolata sulla base delle ore dedicate all’apprendimento. Come appena accennato, se i salari dei collaboratori rientrano nel costo sostenuto dal salone al loro valore lordo, è necessario conoscere le differenti voci che compongono il salario stesso. Questo dato è facilmente conoscibile attraverso il sostegno del commercialista, ma in realtà tramite alcuni indicatori di riferimento potremo essere autonomi nel rilevamento dei dati necessari, potendo così conoscere il costo, sulla base del relativo inquadramento, con una semplice moltiplicazione. Noti tali dati, e quindi il volume della massa salariale, la soluzione ottimale sarebbe quella di metterla a confronto con la produttività del singolo collaboratore. Quest’ultima informazione si potrà conoscere semplicemente interrogando il vostro software gestionale che sarà un ottimo assistente anche nell’ambito della gestione economica del personale. Associando tale valore ad alcuni “moltiplicatori” di riferimento si potrà valutare quanto un collaboratore dovrebbe “produrre” per far sì che il suo costo sia coerente con l’operato, detto in parole povere quanto un collaboratore dovrebbe lavorare per essere un guadagno una volta “ripagato” il proprio costo salariale. Un ulteriore aspetto che può essere analizzato è la motivazione dello staff. Come recita un famoso motto “l’unione fa la forza” quindi è bene che il team lavori in sinergia andando nella stessa direzione. In funzione di questo obiettivo è fondamentale la costante presenza del titolare che deve trovare il sistema più adeguato alla propria squadra perché, ciascuno nella propria area di competenza, apporti al salone la linfa necessaria alla massimizzazione dei risultati. Un metodo utile potrebbe essere quello di fissare degli obiettivi, per esempio mettendo economicamente a confronto il mese che si sta per affrontare con lo stesso mese dell’anno precedente ed, ovviamente, l’obiettivo deve essere quello di oltrepassarlo di una certa percentuale “X”. Se la squadra raggiunge l’obiettivo prefissato e concordato, allora godrà di un incentivo economico pari ad una percentuale sul plusvalore. Lavorare per obiettivi necessita inoltre di un controllo sul posizionamento rispetto al raggiungimento degli obiettivi stessi: anche in questo caso i dati raccolti tramite il nostro software gestionale ed una semplice operazione matematica possono rispondere alla nostra esigenza. “Di regola, l’uomo che ha più successo nella vita è colui che ha più informazioni” (B. Disraeli)

boss

Commenti