Cari Parrucchierandi buongiorno!

Questa mattina vogliamo parlarvi di Innovazione, di quella vera! Di seguito troverete il racconto della conferenza che ha tratto la nuova frontiera dei Saloni. L’evento è stato organizzato da Camera Italiana dell’Acconciatura e Parrucchierando.com, in collaborazione con Beauty Pioneers e Parlux. Buona Lettura! 

“Domenica 20 marzo si è svolta, presso il Centro Servizi del Cosmoprof

Bologna 2016, la conferenza Innovation Salon- Il salone del nuovo millennio.

L’evento, dedicato alla formazione professionale, è stato organizzato dalla Camera Italiana dell’Acconciatura e Parrucchierando, in collaborazione con Universal Beauty Innovation e Parlux.

Giannantonio Negretti, Presidente di NG GROUP, ha partecipato all’organizzazione dell’evento che si è tenuto nella sala Notturno offrendo il suo contributo anche come relatore.

La conferenza ha visto il susseguirsi di sei interventi tenuti da altrettanti relatori.

Alle 14 il benvenuto alla platea è stato dato da Luca Stella, Presidente della Camera Italiana dell’Acconciatura.

Il Direttore del Centro Studi Cosmetica Italia, Gian Andrea Positano, ha presentato i nuovi dati riguardanti il settore cosmetico per lπanno 2015. Il fatturato globale ha toccato, nel corso del anno che si è concluso, i 10.000 milioni di euro, confermando una crescita costante e stabile.

Rimangono in calo i canali dell’acconciatura e dell’estetica, con un trend negativo che conferma questo andamento da alcuni anni.

Giannantonio Negretti, Presidente di Universal Beauty Innovation- UBI, ha focalizzato il suo intervento sulla formazione professionale. Partendo dai dati di mercato, ha sottolineato un progressivo distaccamento, destinato ad aumentare, tra le esigenze dei consumatori e l’offerta dei prodotti e dei servizi professionali. Il problema prende vita dalla categoria stessa: gli acconciatori e gli operatori estetici comprendono sempre meno le esigenze e i bisogni dei consumatori. Questi sono stati i motivi che hanno spinto e motivato Negretti ad esplorare nuovi orizzonti e lo ha convinto del fatto che “Non esiste crisi bensì mutazione. Una mutazione che avrà una sinapsi sempre più ripida e rapida, ma che è la vera opportunità per chi vuole cambiare prospettiva e smettere di attendere il passato che non tornerà mai più.

Il progetto Future Beauty Lab, presentato al pubblico in questa sede per la prima volta, si pone l’obiettivo di realizzare un sistema di rete efficace che porti gli stakeholders a creare una nuova relazione tra operatori del benessere e consumatore per allineare in modo concreto, professionale ed etico tutti i protagonisti. Ma anche far dialogare il mondo della formazione professionale e il mercato del lavoro, fare incontrare il campo della ricerca e innovazione con il mondo della formazione.

A conclusione dell’intervento di Giannantonio Negretti ha portato un’importante testimonianza Gianluigi De Silvi, preside della scuola Educo di Brescia. Proprio De Silvi, insieme ai suoi alunni, è stato il primo che ha deciso di partecipare al progetto Future Beauty Lab, instaurando una collaborazione, ancora in corso, con Negretti e i suoi Pionieri della Bellezza, che ha già ottenuto risultati positivi e si augura di fare sempre meglio.

Romano Romagnoni, titolare di Parrucchierando e specialista in social media ha proposto un vero e proprio corso breve per imparare ad utilizzare al meglio Facebook permettendo così, ai parrucchieri in particolare, di portare una nuove persone nel proprio salone.

Paolo Dolcetti, “il Ficcanso” di Parucchierando, ha concluso i lavori con un intervento sul marketing ingannevole. Un’analisi puntuale riguardo ai prodotti cosmetici ed in particolare sui messaggi fuorvianti che le differenti aziende utilizzano per attirare i consumatori dimenticandosi dell’etica.

Il convegno ha visto la partecipazione di un pubblico numeroso ed attento.

Un grande successo per un progetto che ha lπobiettivo di proporre un modello di formazione alternativo, capace di creare futuri professionisti attenti ai bisogni e alle necessità reali del consumatore.”

Commenti