“Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.”
Mahatma Ghandi

 

Eccoci a comprendere nel dettaglio il primo dei livelli logici.

  • Ambiente

Dove e quando?

Questo livello si riferisce al luogo, alla situazione in cui i comportamenti hanno luogo e alle eventuali persone coinvolte.

Saloni acconciature

Centri estetici

Mai come in contesti come saloni ed estetiste la bellezza è la definizione di ciò che è bello, certamente è influenzata dall’occhio e dalla qualità della comunicazione della cliente, dal livello culturale e sociale di appartenenza o da un legame affettivo.

Molti studi riportano l’esistenza di elementi in grado di spiegare l’universalità della bellezza di certi ambienti.

Sto parlando di estetica sperimentale, Fechner, sezione aurea, ecc. ecc.

Ma in questo articolo ho deciso di non considerare questi aspetti teorici, seppur molto importanti, per lasciare spazio a un modello psicologico di fine anni ’80 elaborato da due ricercatori di psicologia ambientale: Faith Kaplan e Ronald Kaplan.

Secondo gli autori, i preziosi ingredienti capaci di incrementare l’attrattiva di un ambienta/paesaggio sono quattro (Kaplan e Kaplan, 1989).

  1. Coerenza

La coerenza è il grado con cui vari aspetti dell’ambiente sono concordi tra loro.

Per esempio tendiamo a valutare come più attraenti saloni contraddistinti da stessi colori, ma attenzione, non uguali, semplicemente “in sintonia”  

(i colori bianco o neutri di molti Brand ).

  1. Leggibilità

Ovvero la facilità con cui un salone può essere categorizzato oppure la facilità con cui possiamo intuirne le caratteristiche in termini di servizi e prezzi.

Ad esempio, una costruzione di uno stile ben definito è preferita rispetto a una costruzione in cui convivono più stili.

  1. Complessità

La complessità è definita dal numero e dalla variabilità degli elementi che compongono una scena.

Un metodo per aumentare la complessità può essere quello di creare spazi e piani disposti a diverse altezze in modo da aumentare il senso di profondità.

Spazi completamente piatti e troppo simili nelle loro componenti risultano poco attraenti.

Ad esempio molti negozi hi tech che non presentano nessun elemento che rappresenti le sfumature emotive di chi ci lavora risultano freddi ed impersonali.

  1. Mistero

Con quest’ultimo aspetto i due ricercatori si riferiscono alla quantità di informazioni nascoste che uno negozio può contenere;

  • Vie strette, irregolari e la presenza di angoli aumentano l’attrattiva di una scena urbana o di un paesaggio.
  • Il celare gli spazi con l’uso separè o muri produce una risposta psicologica di volontà di esplorazione che manca invece nel caso di larghe visuali in cui tutto è sotto gli occhi.

Per questi motivi saloni con curve ed elementi decorativi variabili, tendono a essere percepiti come più attraenti di altre attività più rettilinee.

La cliente scopre l’ambiente che vede e come fosse un viaggio tra “paesaggi“ dinamici e in movimento, tende a percepirlo più attraente di un “paesaggio” in pianura poichè lo sguardo può sperimentare continue sorprese.

  1. L’importanza della bellezza

Spesso le persone sottovalutano l’importanza della bellezza considerandola solo un aspetto accessorio o superfluo.

In realtà essa ricopre tutt’altro che un ruolo marginale, la bellezza è in grado di influenzare il nostro, come quello delle nostre clienti, benessere fisico e psichico quotidiano.

Come? Semplicemente perché genera, sensazioni di benessere ed emozioni positive, ed è così che una giornata di lavoro passata in un luogo percepito come esteticamente bello può essere meno stressante rispetto alle ore passate in un luogo esteticamente sgradevole.

Inoltre le emozioni positive che la bellezza genera, influenzano anche il nostro stato di salute.

Roger Ulrich, in una ricerca condotta in un ospedale, ha dimostrato che coloro la cui finestra dava sul parco avevano un periodo di convalescenza inferiore rispetto ai degenti con finestra che dava su un muro di mattoni, sempre questi ultimi riportavano anche un maggior numero di lamentele e disagi psicologici quali ansia e depressione.

Così la bellezza ambientale non è solo un accessorio bensì una condizione 

necessaria per aiutare a gestire in maniera positiva la quotidianità e per migliorare ed influenzare positivamente le nostre clienti.

La bellezza genera benessere, emozioni, influisce positivamente sulla salute e secondo alcuni studi anche sull’attenzione e sulla qualità delle relazioni, ma nonostante questo spesso viene sacrificata per motivi economici, politici o personali.

La bellezza in senso generale deve essere contestualizzata anche in termini comunicazionali, infatti oggi solo pochi professionisti hanno compreso che non è il servizio a ma bensì come la cliente percepisce il servizio dalla cliente che fa la differenza.

La prossima settimana andremo a esaminare e contestualizzare il livello Comportamento nell’ottica del BMC System.

A settimana prossima.

Nel frattempo Buona Vita!!      

Mario Sparacia

Commenti