Non solo molto impaziente ma anche un vero perfezionista nel look: è un ragazzo dello Stato di Washington che non poteva aspettare la fine del lockdown a Olympia, la sua città, e ha deciso di percorrere 966 chilometri per recarsi con la sua auto da un barbiere in California.
Protagonista di questa storia è J Farr, un ventottenne da poco disoccupato che, dopo aver visto su facebook un post di un amico che si era appena tagliato i capelli in uno dei pochi parrucchieri aperti nonostante il Coronavirus, è saltato sulla sua Volkswagen Jetta e ha guidato per quasi mille chilometri, dopo aver chiamto e prenotato il suo appuntamento. Un viaggio lungo ma rilassante, e a suon di musica country, che lo ha portato fino a Yuba City, a nord di Sacramento. Il salone che lo attendeva dopo il lungo tragitto è Butte House Barber Shop che ha scelto per lui un moderno taglio sfumato con rasatura ai lati.

Ma come è possibile che un negozio fosse aperto, vi chiederete voi? Alcuni parrucchieri, infatti, hanno deciso di aprire con apposite linee guida nonostante l’ordine statale di stare a casa del governatore della California, Gavin Newsom. Le aperture, anche di bar e ristoranti, sono state possibili grazie al consenso dei funzionari delle rispettive contee, dato il basso numero di contagi e purché le distanze sociali e gli altri protocolli di sicurezza venissero eseguiti alla perfezione.

“È stato veramente bello avere nuovamente un’interazione sociale dopo tre mesi chiuso in casa” racconta J Farr al Los Angeles Times “come piacevole è la sensazione di non avere nessuna paura, al contrario di tante altre persone che non vengono qui per il timore di un contagio”.

Ma non è tutto oro ciò che luccica, infatti, alcuni negozi rischiano di subire multe salate sotto minaccia del Board of Barbering and Cosmetology, il massimo organo per barbieri e centri benessere, che punisce chi viola il lockdown deciso dallo Stato. Come riportato sempre dal LA Times sono in corso oltre 800 denunce ma ancora non c’è nessuna azione disciplinare.

Commenti