Buongiorno Parrucchierandi! Nell’era in cui le attività dell’uomo e il suo sfruttamento delle risorse stanno avendo un impatto decisivo sui delicati equilibri del nostro pianeta, serve una volontà di cambiamento e una attenzione particolare all’ambiente. Diventa sempre più importante tutelare il patrimonio naturale oggi minacciato e sostenere varietà territoriali di inestimabile valore biologico tipiche di determinati luoghi, ma fondamentali per l’intero ecosistema. Questo è ciò che è avvenuto nella piana quercetana tra Massa e Camaiore andando nell’entroterra fino a Serravezza. La coltivazione dell’olivo ha avuto in quest’area come in tutta la toscana, nel corso dei millenni, un’importanza primaria sia nell’economia sia nel determinare l’aspetto paesaggistico di questo territorio. Gli antichi e secolari uliveti, piante simbolo della Versilia, rischiano oggi di scomparire in seguito all’urbanizzazione, che sta velocemente riducendo la superficie coltivata e dall’infestazione causata dalla mosca dell’olivo che ha causato il crollo della produzione dell’olio. L’iniziativa portata avanti dai saloni d’acconciatura Davines e la Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus è tesa a far conoscere, salvaguardare e diffondere questa particolare cultivar autoctona – quella dell’olivo quercetano – che è in realtà molto più resistente e immune a questo insetto, ma di difficile radicamento, per questo poco privilegiata a discapito di altre tipologie di più facile coltivazione ma sotto attacco dal parassita.  Questo circolo vizioso ha scaturito il reale rischio di vedere diminuire, se non scomparire, la popolazione di Olivo Quercetano e gli svariati agricoltori che la coltivano. I fondi raccolti nei saloni Davines dalla vendita di una box contenente shampoo e conditioner della linea Essential Haircare saranno sufficienti per il mantenimento di questo presidio e una parte sarà inoltre devoluta al supporto di altri Presidi Slow Food italiani. Una bella soddisfazione per i saloni che hanno aderito alla campagna “A presidio della Bellezza Sostenibile”, esprimendo così l’impegno nel contrastare la scomparsa di un patrimonio a rischio di estinzione, eppure essenziale alla vita di questo territorio. Un equilibrio, quello di Bellezza e Sostenibilità, da sempre caro al brand italiano operante nel settore tricologico professionale. Cosa la sostenibilità abbia a che fare con la cura dei capelli è presto spiegato. I prodotti realizzati da Davines privilegiano l’impiego di ingredienti di origine naturale, sono generati con energia elettrica rinnovabile e confezionati minimizzando l’impatto ambientale. Questa attenzione alla sostenibilità si è ulteriormente rafforzata dal 2014 con la creazione di una linea di prodotti per la cura quotidiana dei capelli dal nome Essential Haircare protagonista di questa campagna, la quale è arricchita con ingredienti attivi proveniente da nove Presìdi Slow Food italiani: cappero di Salina, melone cartucciaru di Paceco, pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto, sedano rosso di Orbassano, mandorla di Noto, oliva minuta di Sicilia, grano saraceno della Valtellina, lenticchia di Villalba e rapa di Caprauna. Questo progetto di salvaguardia della piana quercetana è quindi un ulteriore tassello del percorso che vede la biodiversità e l’attenzione all’uomo tra i principali valori sostenuti da Davines.

Commenti