fbpx

dal 1° luglio 2022 tutti gli esercenti e i professionisti che non rispetteranno l’obbligo di pagamento tramite POS dovranno pagare una multa
La norma prevede una sanzione di 30 euro più il 4% del valore delle transazione

Puoi beneficiare del credito d’imposta fino a un massimo di 160€ se dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022 acquisti, noleggi o utilizzi strumenti di pagamento elettronico collegati a registratori telematici (di cui all’art. 2, comma 3, del DL 127/2015); rientrano nei costi anche le spese per il convenzionamento e per il collegamento tecnico tra il POS e il registratore di cassa.
La percentuale di spesa rimborsabile varia in queste misure:
70% per i soggetti i cui ricavi e compensi relativi al periodo d’imposta precedente siano di ammontare non superiore a 200.000 euro;
40% per i soggetti i cui ricavi e compensi relativi al periodo d’imposta precedente siano di ammontare superiore a 200.000 euro e fino a 1 milione di euro;
10% per i soggetti i cui ricavi e compensi relativi al periodo d’imposta precedente siano di ammontare superiore a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro.

Secondo credito (già conosciuto credo)
credito d’imposta del 30% sulle commissioni sostenute per transazioni effettuate con carta di credito, debito, prepagata o mediante altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili.

credito d’imposta del 100% sulle commissioni POS maturate nel periodo dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022 se adotti:
strumenti di pagamento elettronico collegati a registratori telematici (di cui all’art. 2, comma 3, del DL 127/2015)
strumenti di pagamento evoluto che permettono la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate.

Entro il giorno 20 di ogni mese successivo al periodo di riferimento, il Prestatore del Servizio di Pagamento per le transazioni effettuate con carte dei circuiti internazionali (Visa, Mastercard, UPI, JCB) o PagoBANCOMAT® rende disponibile all’esercente il Documento di Riepilogo che riporta tutte le informazioni utili ai fini del credito d’imposta, in particolare il valore delle commissioni addebitate nel periodo di riferimento.

Per beneficiare del Credito di Imposta sulle commissioni, l’Esercente è tenuto a:
scaricare il rendiconto prodotto dal Prestatore , relativamente alle transazioni effettuate con carte dei circuiti internazionali (Visa, Mastercard, UPI, JCB)
per le commissioni derivate da transazioni su circuito PagoBANCOMAT®, il rendiconto viene emesso solitamente dalla Banca
l’esercente dovrà richiedere la stessa documentazione di riepilogo agli altri prestatori di servizio (PSP) di accettazione pagamenti con cui ha contratti di convenzionamento attivi (es. American Express per le operazioni di pagamento con carte del suo Circuito, etc).

consegnare tutta la documentazione ai soggetti abilitati, come ad esempio il commercialista

Flavio Balzaretti
Dottore Commercialista – Revisore Legale
Piazza De Angeli 9
Milano

Telefono: +390266305594
Mail: flavio@studiobalzaretti.it

Commenti
Privacy Policy Cookie Policy
Share This