Da oggi, in esclusiva su Parrucchierando, Paolo Dolcetti, in arte “Acqua Parrucchieri”, diventa “il ficcanaso”. Una nuova, entusiasmante rubrica che vi svelerà gioie, segreti, bugie e verità scomode sullo spumeggiante mondo dell’hairstyle. Un appuntamento che vi appassionerà e che, a tratti, vi farà anche “incazzare” quindi….. Assolutamente da non perdere!!! 

 

 

 

 

 

 

 

 

La via della consapevolezza


Un calorosissimo abbraccio a tutti i miei colleghi e non che frequenteranno questa rubrica oggi comincia per me un’avventura che sogno da tanto tempo e ringrazio Parrucchierando per dare tanta visibilità a questa mia iniziativa.

Io sono Paolo Dolcetti, sono un parrucchiere e non certo uno di quelli famosi, non ho un salone enorme e di certo non sono tanto più bravo di tanti di voi. La mia preparazione scolastica si ferma alla licenza media ma questo non mi ha impedito di approfondire in modo maniacale tutti i temi che riguardano la professione parrucchiere. Come avrete capito sono un perfetto signor nessuno con tanti difetti, ma in una cosa mi sento il numero uno (come parrucchiere intendo): la conoscenza di tutte le tematiche relative alla chimica cosmetica e l’aspetto comunicativo legato alla vendita dei prodotti.

Io ho un sogno, quello che tutti i parrucchieri italiani aumentino in modo esponenziale la consapevolezza e la conoscenza relativa a cos’è un cosmetico, quali sono le sue potenzialità e il suo campo di azione. Quanti di voi possono dire di conoscere a fondo quello che stanno acquistando e che poi consiglieranno ai propri clienti?… Ci si fida di quello che l’azienda o il rappresentante di commercio ci dice, ma ci poniamo mai la domanda: cosa non ci dicono?

L’aspetto comunicativo è di fondamentale importanza, molte volte la presentazione di un prodotto è studiata a tavolino dagli esperti marketing che sanno bene quali sono le parole e le immagini che andranno a colpire aree del vostro cervello che poi vi indurranno all’acquisto. Con questo non voglio sostenere che le aziende ci vendano intrugli scadenti ma di certo il messaggio che accompagna la vendita, in alcuni casi, è perlomeno fuorviante. Mi piace pensare che la progettazione dei prodotti abbia una effettiva valenza funzionale positiva, quello che mi fa ribollire il sangue nelle vene è come la comunicazione commerciale supera di molto l’effettiva capacità del cosmetico. Questo ha generato negli anni una confusione pazzesca nel mercato, instillando nelle persone l’idea che la cosmesi abbia proprietà magiche, quindi è un continuo rincorrersi di ricerca di nuove sostanze o estratti di piante fino ad ora sconosciute anche a molti botanici. La verità è che molti di questi sono più emozionali che funzionali, se si riesce a legare un sogno alla vendita di un cosmetico, potenzialmente non ha prezzo. Quanto siamo disposti a pagare un sogno?….

Altro tema scottante sono gli ingredienti, ormai una grande fetta di persone legge gli INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredient), addirittura schiere di presunte conoscitrici internettare fanno post su Facebook o filmati in Youtube per tacciare di radioattività questo o quell’ingrediente, il pubblico ci crede e chiede conto a noi parrucchieri, ma noi siamo preparati a rispondere?…. In questi anni si è sviluppata la cultura del cosmetico “senza”, io vorrei che le aziende rimarcassero anche il “con”, perché se si rinuncia ad un ingrediente lo devi sostituire con un’altro che abbia la stessa valenza funzionale e la vita ci insegna che non sempre la cura è meglio della malattia. Insomma ci sono tanti temi da approfondire in questo campo e vorrei farlo con voi, la conoscenza genera consapevolezza è sempre stato il mio motto, e una persona consapevole è una persona che può decidere al meglio per se e per i suoi clienti. Voi andreste da quel medico che non conosce la medicina che vi sta ordinando?… Pensate alle vostre clienti, comprerebbero un prodotto cosmetico da voi sapendo che non lo conoscete approfonditamente?….. 

 Mettetevi comodi il viaggio comincia oggi. Stay tuned

Paolo Dolcetti

 

 

 

Commenti