A quanto pare la battaglia è stata vinta: l’ok definitivo del governo è arrivato e le Regioni hanno ottenuto il via libera formale per la riapertura dei parrucchieri il 18 maggio.
Ora non resta che aspettare le linee guida che regoleranno la riapertura ma probabilmente ci saranno delle regole generali che saranno valide per tutti e differenziazioni territoriali a seconda dell’andamento della curva del contagio nelle varie regioni. Le nuove norme sono attese tra giovedì e venerdì e, naturalmente, il governo potrà sempre intervenire qualora la situazione contagi dovesse visibilmente peggiorare e fosse necessario bloccare una nuova diffusione del virus.

La riapertura dei parrucchieri è una delle più attese e la speranza è che questi mesi di chiusura siano un minimo compensati dal boom di prenotazioni che ci si aspetta arriveranno dai prossimi giorni. L’ok del governo è un segnale importante anche per contrastare il fenomeno dell’abusivismo che ha dilagato durante il lockdown, mettendo a repentaglio la salute delle persone e intaccando la correttezza della categoria.

Le novità principali? Probabilmente i saloni assomiglieranno quasi a delle sale operatorie, con obbligo di guanti e mascherine, si lavorerà solo su appuntamento perché sarà vietato ai clienti di sedersi dentro il negozio in attesa del proprio turno, si potrà lavorare con orari flessibili stabiliti dai Comuni, si terrà aperto anche la sera perché nei locali piccoli potrà entrare un solo cliente per volta, bisognerà sterilizzare o igienizzare tutti gli accessori di lavori, ecc.

In ogni caso sarà, adesso, fondamentale il ligio rispetto di tutte le regole che verranno stabilite, qualunque esse siano, per proteggere se stessi, i propri dipendenti e i clienti, in modo da poter piano piano tornare ad una situazione di pseudo normalità.

Commenti