La Regione Lombardia ha stanziato 14 milioni di euro come incentivo per le partite iva.
E’, infatti, aperto il secondo bando di “Sì!Lombardia”, il piano ristori che la Regione ha predisposto per sostenere i lavoratori autonomi con partita Iva individuale, e non iscritti al Registro delle imprese, colpiti dalla crisi conseguente all’epidemia di coronavirus.

Chi è in possesso dei requisiti richiesti potrà ottenere 1000 euro fino all’esaurimento della cifra predisposta.

Ma vediamo insieme chi può accedere a questo contributo: i lavoratori autonomi, tra cui negozianti ambulanti, albergatori, parrucchieri ed estetisti, oltre a coloro che si occupano di eventi, matrimoni e attività culturali. È necessario avere la partita Iva attribuita dall’Agenzia delle Entrate attiva, oltre che possedere il domicilio fiscale in Lombardia. Inoltre, il richiedente dovrà aver subito un calo di fatturato di almeno un terzo nel periodo 1° marzo-31 ottobre 2020, rispetto al medesimo periodo del 2019; oppure dovrà aver attivato la partita Iva a partire dal 1° gennaio 2019 (in questo caso non è richiesto il requisito del calo del fatturato)

In particolare, i settori interessati sono:
• filiera eventi (congressi, matrimoni, cerimonie, …)
• filiera trasporti persone
• filiera sport e intrattenimento bambini
• filiera attività culturali
• commercio al dettaglio in sede fissa di abbigliamento e calzature
• ambulanti con posteggi in aree di eventi, stadi e concerti
• commercio effettuato per mezzo di distributori automatici
• servizi degli istituti di bellezza
• operatori settore turistico.

Le domande vanno presentate online esclusivamente tramite il sistema informatico “Bandi Online” di Regione Lombardia https://www.bandi.regione.lombardia.it/.

Sono tre le finestre aperte per dare la possibilità a tutti i soggetti aventi diritto di partecipare al bando, che scadrà il prossimo 15 gennaio alle ore 17. I primi a poter fare richiesta, a partire dalle 11 di lunedì 11 gennaio, sono i lavoratori autonomi della “filiera eventi” e della “filiera trasporti persone”. Dalle ore 15 dell’11 gennaio potranno fare richiesta coloro che operano nella “filiera dello Sport e dell’intrattenimento per bambini e delle attività culturali”.
La terza finestra apre martedì 12 gennaio, alle 11, per “commercio al dettaglio in sede fissa di abbigliamento e calzature”, “ambulanti con posteggi in aree di eventi, stadi e concerti”, “commercio effettuato per mezzo di distributori automatici”, “servizi degli istituti di bellezza”, “operatori del settore turistico”.

Commenti