Lo shag è un taglio che o si odia o si ama. Reso celebre negli anni ’90, oggi torna alla ribalta, ma rivisitato in chiave moderna, confermandosi tra i tagli più trend dell’autunno. L’ispirazione arriva, come sempre, dall’Inghilterra e, in particolare, da un salone di Chelsea, che lo ha reso più fluido e a bassa manutenzione, posizionandolo tra i look più richiesti.

Lo shag tradizionale, come sapete, è molto scalato, quasi stratificato, e mosso, con molto volume nella parte alta della testa. Lo sloane shag invece, presenta scalature più basse, che danno, sí, un po’ di volume alla testa ma senza il fantomatico effetto “fungo”.

Un taglio meno pesante, più raffinato e mosso rispetto al suo omonimo degli anni ’90, e che vede la sua massima espressione sui capelli lisci, ondulati o ricci, alla lunghezza della spalla o della clavicola. La frangia in abbinamento è lunga o anche a tendina.

Il motivo per cui piace cosí tanto?? Perché è un haircut facile da mantenere e che richiede pochissimo styling e prodotto.

Commenti