Che i ripetuti lockdown abbiano influenzato le tendenze taglio è ormai un dato di fatto, basta pensare alla frangia a tendina, che spopola ovunque ormai, e chiederci se a tendina non ci sia diventata a causa delle chiusure a singhiozzo dei saloni!

Lo stesso vale per il bob corto, liscio e non scalato, il classico caschetto che ha reso i look delle ultime sfilate Chanel cosí tres chic.

Un taglio che ha bisogno di poca manutenzione, è tagliato praticamente col righello, e che emerge sempre di più dopo 12 mesi di lockdown passati con lo chignon in casa.

L’hairstylist londinese Larry King, per esempio, ha dichiarato a Vogue di aver già avuto numerose richieste di questo taglio: le persone lo desiderano per sentirsi di nuovo “in ordine” come prima della pandemia, in quanto c’è un’allure di raffinatezza dietro a questo look. È tra le tendenze taglio perchè facile da portare e rendere elegante, ma può anche essere trasformato in un taglio casual, fresco e morbido, con uno styling più messy e casuale.

È un taglio che predilige chiome lisce rispetto alle ricce proprio perché la forma che lo caratterizza rischierebbe di creare la tipica testa “a fungo” tanto odiata da chi ha i capelli molto mossi.

Funziona, invece, su tutti i tipi di viso, anche se tondo, basta tagliare i capelli alla giusta lunghezza. Come ben sapete, pochi millimetri sopra o sotto la mascella possono davvero fare la differenza. Se il viso della cliente è a forma di cuore, per esempio, è meglio che il taglio sia sopra la mascella, in modo che sfiori le guance, mentre per i volti tondi è consigliato fermarsi appena sotto la mascella.

Altro aspetto importante è l’asciugatura: in questo caso bandite le asciugature naturali per fare spazio a pieghe ben curate e super lisce.

Commenti