Sul magazine Ulisse di luglio, il mensile a diffusione mondiale del Gruppo Alitalia, l’hair stylist testimonial Kemon si confessa:

“Dopo la gavetta ho deciso di andare a Parigi per perfezionarmi. Lezioni la mattina, poi il pomeriggio lo passavo seduto su una panchina davanti al Salone di Alexandre de Paris per vedere entrare e uscire, trasformate, le clienti”.

L’intervista di Paolo Gelmi a Roberto Carminati pubblicata sul numero di questo mese di ULISSE, rivista di bordo Alitalia, non è solo la storia di successo di un grande acconciatore italiano, ma descrive perfettamente la passione sentita per un mestiere che ogni giorno contribuisce a rendere belle e far sentire bene le donne di tutto il mondo.

Roberto Carminati, testimonial Kemon da oltre dieci anni, ripercorre tutte le tappe della sua ascesa: da Roma a Parigi, Londra, Madrid e ancora Roma, dove a settembre festeggerà i 25 anni di attività; l’ispirazione delle sue creazioni ad architetture di archistar di fama mondiale come Norman Foster e Santiago Calatrava; le prestigiose collaborazioni con la Rai; il suo primo libro, Biondo platino. Il colore dei sogni (Edizioni Efesto); la grande amicizia che lo lega a celebrities del calibro di Antonella Clerici, Roberta Capua e Alessandra Martinez…

Una donna del presente o del passato che avresti voluto reinventare? “Lady Diana. Avrei provato a renderla ancora più glamour” – racconta e si confessa Roberto -.

“Bisogna sempre mettersi in gioco ed evolversi. Il ruolo dell’hair stylist non è più quello del semplice parrucchiere, ma è sempre più una importante figura internazionale”.

Roberto ne è certamente la prova, e l’intervista su Ulisse è anche un grande orgoglio per Kemon.

{phocagallery view=category|categoryid=732|limitstart=0|limitcount=0}

Commenti