Ecco in sistesi in 8 punti le cose che devi conoscere

1- Ci sono alcuni giorni in cui non  è permesso tornare a casa?
Le persone che si trovano già fuori dall’area e dai loro comuni al momento dell’entrata in vigore del divieto possono tornare a casa in qualsiasi momento.

2-È possibile trascorrere le vacanze con i genitori single in un’area business?
Secondo le regole, si può entrare ed uscire dal comune solo per andare da persone non autosufficienti, quindi non è possibile farlo per motivi aziendali. Chi va da queste persone deve farlo da solo e non con altri membri della famiglia.

3- Nei giorni in cui è vietato lasciare il comune posso andare da un genitore single non autosufficiente?
Sì, ma anche in questo caso non è consentito viaggiare con altri familiari.

4- È possibile lasciare il distretto o il comune per aiutare un amico non autosufficiente?
Sì, questa regola può essere applicata anche a persone che non sono parenti.

5- Come dovrebbero comportarsi le coppie lontane?
Il ricongiungimento tra marito e moglie si applica solo alla casa in cui abitualmente vivono. Pertanto, chi lavora o studia lontano da casa può rientrare con il proprio partner. È stato stabilito che i ricongiungimenti sono consentiti solo nel caso di coppie conviventi, anche se solo di fatto.

6-Quando posso andare nella mia seconda casa?
Dal 21 dicembre al 6 gennaio, è vietato trasferirsi nella seconda casa se si trova fuori regione, anche se la casa è in zona gialla. Puoi andarci solo per motivi urgenti (guasti o altre emergenze), ma rimanici per il tempo necessario per risolvere il problema. Se non sono in città, è vietato spostarsi dal 1 gennaio al 25 e 26 dicembre 2021.

7- Se qualcuno va in una seconda casa prima del 21 dicembre, il partner può unirsi dopo che il divieto è entrato in vigore?
Questa regola stabilisce lil ricongiungimento SOLO nella casa principale.

8- Prima che il divieto entrasse in vigore, chi aveva prenotato voli stranieri e deve ancora essere comunque messo in quarantena al ritorno?
Sì, tutte le persone che tornano dall’estero dopo il 21 dicembre devono essere messe in quarantena. Pertanto, anche chi ha programmato di rientrare prima delle nuove normative dovrà adeguarsi.

 

Rimaniamo in attesa in qyesti giorni che il Governo chiarisca la diatriba sulle sanzioni che si è aperta Sulle sanzioni, infatti per chi viola i provvedimenti si è aperto un aspro dibattito

Il governo ha dichiarato

Chi viola le misure deve pagare una sanzione amministrativa da 400 a 3.000 euro e non si applicano le sanzioni contravvenzionali previste dall’articolo 650 del codice penale»
ma
Il Dpcm Natale firmato dal premier Conte è stato emanato per derogare al precedente decreto legge 33: Il Sole 24 Ore spiega che le sanzioni previste da quel decreto non paiono applicabili anche ai divieti previsti dall’ultimo testo.
Il decreto legge 33 prevedeva multe rispetto a violazioni degli spostamenti interregionali riguardanti «specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree», ma queste sanzioni non possono essere applicate in questo caso. Infatti, il blocco è uniforme su tutto il territorio nazionale.

 

Commenti