Una colorazione può essere naturale, sostenibile e allo stesso tempo altamente performante?

La risposta è assolutamente sì: stiamo parlando di Earth Color, la nuova colorazione professionale firmata Previa Haircare, disponibile nei migliori saloni a partire da settembre 2019.

Earth Color regala ai capelli un colore luminoso, naturale, di lunga durata e nel totale rispetto della cute grazie alla sua speciale formula delicata e senza ammoniaca, studiata per rivitalizzare il capello durante il tempo di posa. Il suo segreto sono gli ingredienti di origine vegetale di cui è composta, oli essenziali certificati e attivi botanici, che garantiscono una perfetta copertura dei capelli bianchi e riflessi luminosi e naturali.

Le 69 nuances di Earth Color si ispirano alla natura incontaminata e alle sue molteplici forme, e sono formulate con basi più fredde per assicurare risultati cromatici naturali, luminosi e di lunga durata. I toni freddi sono impreziositi da riflessi luminosi per un effetto naturale. La luce del mattino, i fiori al crepuscolo, un tramonto nordico e le foglie d’autunno sono solo alcuni dei paesaggi che hanno ispirato la palette di Earth. La scelta perfetta per chi è alla ricerca di un colore unico, autentico, moderno.

Earth Color può vantare l’attestazione cruelty-free and vegan di PETA, un riconoscimento che sottolinea l’impegno sostenibile di Previa nel rispetto della Natura, dell’Uomo e degli Animali. L’attestato viene assegnato esclusivamente ai prodotti che vengono creati senza ricorrere ad ingredienti di origine animale o testati sugli animali.

Inoltre, tutti i prodotti, le confezioni, gli imballi, gli accessori “EARTH – AUTHENTIC GREEN CHOICE” rappresentano l’impegno del brand verso una maggiore etica e sostenibilità: ciascun componente, infatti, è ottenuto riducendo il più possibile gli sprechi e ponendo attenzione alla sostenibilità in ogni fase del processo produttivo e di consumo. Questo è possibile grazie all’utilizzo di materiali riciclati, ottenuti da fonti rinnovabili e riciclabili per il minimo impatto ambientale.

Commenti