Non passa mai di moda ed è sempre tra i colori più richiesti al parrucchiere: stiamo parlando del rosso che, anche quest’anno, ci regala sfumature per tutti i gusti.
Ramato, mogano, sanguigno, fragola, ciliegia, più o meno intenso… c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ma come scegliere la tonalità di rosso più adatta?

E’ importante rendere questo colore tridimensionale il più possibile e non statico, scegliendo le tecniche di sfumatura e le ombreggiature giuste. Inoltre, è fondamentale basarsi sul tono del proprio incarnato: «Per le pelli chiare sposano molto bene i colori ramati e rossi intensi mai con colori prugna, le pelli medie e scure direi che si possono permettere sia i ramati, i rossi ed anche i violetti, le pelli olivastre bene i rosso che le illumina, il prugna/violetto le appesantisce, mai con il rame che esalta i difetti della pelle e fa apparire più agè» Spiega Luigi Neri, Direttore Artistico Gruppo CLASS ed hairstylist L’Oréal Professionnel, a Vanityfair.it.

Inoltre, il rosso, è un colore che va mantenuto con particolare cura: per averlo sempre brillante va tonalizzato almeno una o due volte al mese. Per la cura quotidiana, invece, ricordatevi di scegliere trattamenti studiati ad hoc per i capelli colorati, che riducano quindi lo scarico del colore, mantenendolo più brillante e più a lungo .

Una delle nostre tonalità preferite per l’inverno? L’ Apple Cider, termine coniato dall’ hairstylist Kim Bonondona che lo ha definito il colore di capelli più richiesto del 2019 e del 2020. Letteralmente significa sidro di mele, ed un colore che dona luce e che sta bene sia alle bionde sia alle castane (per chi è già rossa si tratta di un leggero gioco di chiaro/scuri) e che può essere realizzato, con qualche attenzione in più, anche sulle more.

Commenti