Città più dinamica d’Italia, tra le più innovative al mondo, Milano da anni è prima in Italia per crescita, innovazione, ricerca, numero di start-up. Apprezzatissima anche all’estero, è “Città dell’anno 2019” per Wallpaper, più importante magazine di tendenze al mondo; per il New York Times è the place to be; per il Reputation Institute di Boston è prima in Italia e nona al mondo: “Cresciuta per attrattiva, business e per le politiche pubbliche e ambientali avanzate”.

E proprio Milano è il set scelto per la nuova collezione K-NOW#4. Perché i tanti successi di Milano sono gli stessi a cui ambisce Kemon: anticipare i trend, valorizzare le risorse, realizzare i propri sogni sentendosi cittadini del mondo.

H-eart-H, il titolo di questa stagione, parla di “una collezione divisa in una parte emozionale, ‘Heart’, dove la protagonista utilizza la moda per vivere o rivivere momenti, ambienti e ricordi che possano stimolare delle sensazioni che richiamano alla vita reale. Senza filtri, naked, consapevole della propria forza, ma anche di debolezze e imperfezioni che la rendono unica, originale, frutto di una visione che possa anche prevedere di riproporre in modo attuale qualcosa di già visto o già fatto. Dall’altra parte il pensiero razionale, ‘Earth’, la consapevolezza dei grandi cambiamenti ambientali e sociali del mondo, e il loro impatto sulla bellezza con nuovi canoni inclusivi, fluidità di generi, età e forme. Nasce così il desiderio di afferrare una nuova libertà estetica che permetta di esprimere liberamente e con orgoglio la parte più interiore, non come femminismo militante, ma come vera emancipazione” (Mauro Galzignato).

Il primo mood della collezione, Nude, è un racconto nostalgico dal ritmo contemporaneo, basato sull’unicità come conseguenza di un’accurata personalizzazione. L’acconciatore è un artigiano contemporaneo che non si limita più solo a svolgere un lavoro tecnico ma trasmette un concetto moda inclusivo, che ha come assoluta protagonista la donna. L’ispirazione è il principio fotografico di “no filter” nella sua nuda e reale autenticità, in contrasto alla sempre più pervasiva alterazione di forme e colori che ormai inducono al sospetto perenne di fronte ad ogni immagine. Il bianco, il grigio, il vaniglia e il cammello, presenti in maniera preponderante sugli abiti, diventano una perfetta tela neutra sulla quale utilizzare le cromie dei capelli per impreziosire il total look. Nascono così tonalità ibride come i ramati freddi che si fondono attraverso leggere schiariture alla morbidezza del miele; il beige che prende forza se accostato ai biondi naturali e infine i marroni metallici che si illuminano di viola. Forme e lunghezze creano movimenti sinuosi dando un sapore elegante agli stili, ma allo stesso tempo permettendo facili cambi grazie a styling diversi, rafforzando così il concetto di crossover.

Il secondo mood, Duty
, presenta invece una
bellezza peculiare, per
riflettere sui canoni classici
a cui ci siamo ispirati nel
tempo, ridefinendoli
 attraverso un approccio più
fluido, inclusivo. Il luogo di
lavoro è una passerella
dove valorizzare il proprio
look senza dimenticare lo
spirito di aggregazione, non
per essere al di fuori del
gruppo, ma per renderlo più
forte. Sugli abiti, i colori sono accesi: il rosa, l’azzurro e l’ocra si intensificano virando sul rosso, il blu e l’arancio. Le forme invece sono morbide, evocando il comfort più totale, ma allo stesso tempo esaltano la femminilità 2.0, senza bisogno di esporre, ma valorizzando elegantemente l’essere. I capelli sono attori primari all’interno di questo stile, senza bisogno di imporsi, ma sottolineando una voglia di sperimentazione più o meno ardita. I fondi biondo ghiaccio offrono la possibilità di osare con i pastelli: delicati baby lavanda e rosa pesca; i marroni più intensi di inserire punti luce che armonizzino i lineamenti, rendendo l’autunno/inverno più Tropics, come uno dei look della collezione. Gli styling sono soavi, a esaltare la salute dei capelli. Di contro, il wet look è alternativa di rottura per un mood che non conosce timidezza.

Commenti